home Home                                                                             Meteo Link Contatti
 
BIOGRAFIA - Il 1969
In questa sezione trovate tutta la storia e le vittorie di Gianni.

Il 1969

Malgrado le vittorie nel clan Molteni non sono tutte rose e fiori. Motta decide di rompere il matrimonio con la Casa di Arcore, passando alla squadra di un altro super appassionato: Teofilo Sanson.
Le cure alla gamba gli precludono la possibilità di correre alle Sei giorni, e Nino Recalcati, il direttore di riunione del carosello milanese, ne è parecchio dispiaciuto:"Gianni Motta afferma lo stesso Recalcati è capace di dare spettacolo in qualunque momento".
I risultati primaverili, fatta eccezione per l'affermazione Gran Premio Campagnolo a Vicenza (29 marzo), non sono confortanti. Si decide di non fargli disputare il Giro d'Italia, Ma nemmeno dopo la gara rosa la situazione migliora. Vince in Toscana e al Montjuich, in Spagna, dove partecipano tutti i" big del Tour de France. Il Giro dell'Emilia (4 ottobre) è suo per il secondo anno consecutivo. Potrebbe rivincere il "Lombardia": la fuga a lunga gittata sembra avere buon esito, ma nel finale, nei eressi del San Fermo, è raaaiunto. Il primo classificato, Karstens, è retrocesso e la vittoria va a Monsé-ré. L'anno agonistico si conclude con le affermazioni di Venegono superiore (18 ottobre) e di Villabrand, in Francia, l'11 novembre.